Lun 15 Ago 2022
spot_img
HomeCronacaLadri d’acqua potabile, Sorical sul piede...

Ladri d’acqua potabile, Sorical sul piede di guerra: “Troveremo i responsabili”

Da alcune settimane i tecnici della Sorical, attraverso sofisticati sistemi di telecontrollo, stanno riscontrando spillamenti abusivi dalle condotte dello schema acquedottistico Posino-Montenero-Bastarda a servizio dei comuni di Tiriolo, Gimigliano, Settingiano, Amato e Miglierina – in provincia di Catanzaro.

Attraverso il monitoraggio h24 del flusso delle condotte – si legge in un comunicato stampa – è stato riscontrato il prelevamento, probabilmente di aziende agricole, di quantitativi importanti di acqua potabile nel territorio dei comuni di Aprigliano e San Giovanni in Fiore (nel Cosentino), attraversato dalla condotte posate dalla ex Cassa per il Mezzogiorno.

I prelevamenti abusivi, effettuati di notte, sono tali da non poter consentire l’approvvigionamento ai serbatoi e quindi ai cittadini dei comuni serviti dall’acquedotto. Sorical nelle prossime ore stringerà il campo del monitoraggio e informerà nel dettaglio le Autorità competenti.

“La società – afferma il commissario Catando Calabretta – metterà in campo ogni utile iniziativa affinché  i “ladri di acqua potabile” siano individuati e denunciati”.

Le emergenze idriche che si stanno susseguendo nelle ultime settimane e la verifica del piano di contrasto, sono stati al centro di una riunione convocata dal commissario della Sorical, Cataldo Calabretta alla quale ha preso parte anche la responsabile dell’Area Commerciale, Pia Chiarella, tutta l’area operativa della società, il direttore Sergio De Marco ed i responsabili dei 10 uffici di zona e dei tre compartimenti Nord, Centro e Sud.