Sab 1 Ott 2022
spot_img
HomeTurismoLa destinazione calabrese che rende tutti...

La destinazione calabrese che rende tutti felici

La bellezza delle vette montuose, in Calabria, è semplicemente leggendaria. Parliamo, d’altronde di svariate località, tutte stupende, che offrono panorami mozzafiato.

Destinazioni che in ogni periodo dell’anno entusiasmano sportivi, famiglie e buongustai, con un connubio perfetto di attività all’aperto, escursioni nella natura, scoperte di borghi affascinanti, di sapori e tradizioni antichissime.

Il Parco Nazionale della Sila, ad esempio, è stato eletto come 10° Riserva della Biosfera Italiana nella Rete Mondiale dei Siti di Eccellenza dell’UNESCO, dal Consiglio Internazionale di Coordinamento del Programma MAB (Man and the Biosphere Programme), nel corso della sua 26ª sessione, tenutasi a Jönköping, in Svezia.

Qui ci si perde nell’incanto delle sue molteplici bellezze trascorrendo una vacanza rigenerante, tra passeggiate e relax nella natura incontaminata. Si tratta del più vecchio parco nazionale della Calabria, tra i primi 5 nati in Italia. Un’area che, pur conservando il suo affascinante aspetto di zona selvaggia e incontaminata, colpisce il visitatore grazie ai tanti caratteristici paesini che ospita, alla squisita accoglienza e all’opportunità di praticare numerosi sport outdoor.

Tra le attrazioni più imperdibili, i piccoli centri abitati che costellano la zona. A cominciare da Acri, anche detta la “porta della Sila” perché situata ai piedi dell’altopiano, in provincia di Cosenza, che ospita le rovine di un castello feudale, Palazzo Sanseverino-Falcone, Palazzo Julia con la grande biblioteca e Palazzo Spezzano. E ancora, vicino all’antico convento dei Cappuccini, l’ottocentesca e imponente basilica del Beato Angelo d’Acri.

C’è poi San Giovanni in Fiore, la cittadina più popolosa della Sila, il cui centro vanta molte chiese, fra cui l’Abbazia Florense e la Chiesa di Santa Maria delle Grazie. Nei dintorni troviamo Castelsilano, il cui territorio è ricco di sorgenti naturali, alcune solfuree. Sono presenti inoltre numerose cavità speleologiche, la più importante è la Grotta di Samourì o Grave Grubbo.

Visitare questi luoghi è come vivere un’esperienza naturale tra storia e magia. E poi, passeggiare tra i boschi della Sila, “il polmone verde della Calabria”, fa bene agli occhi e fa bene all’anima. Un balsamo per la salute.

In nessun altro luogo, il panorama è di eguale e seducente bellezza. Per non parlare del gioco di colori all’alba e al tramonto. Una magia a cui si dovrebbe assistere almeno una volta (o più) nella vita.

Il Parco Nazionale della Sila, a piedi, in bici o a cavallo, è una di quelle destinazioni che vale la pena esplorare, per la varietà degli itinerari e delle offerte di divertimento e relax, e la struggente bellezza dei paesaggi. Tra percorsi escursionistici, visite guidate e ristoranti rustici dove gustare deliziose specialità gastronomiche e tanto altro, questa meta sembra stata creata apposta per rendere tutti felici.