Mer 28 Set 2022
spot_img
HomeAttualitàSalute&BenessereIn Calabria primo caso di West...

In Calabria primo caso di West Nile Virus: attenzione alle punture delle zanzare

Preoccupazione per l’aumento del numero di casi umani di infezione da virus West Nile nell’ultima settimana. Confermato anche il primo caso in Calabria. La circolazione virale in un allevamento avicolo in provincia di Crotone. Il virus West Nile è trasmesso all’uomo dalle zanzare del genere Culex che pungono prevalentemente nelle ore crepuscolari e notturne. Gli uccelli selvatici sono il serbatoio del virus, che, trasmesso attraverso la puntura di alcuni tipi di zanzare, può raggiungere altri ospiti, come cavallo e uomo. La West Nile è una zoonosi, in quanto è una malattia trasmissibile anche all’uomo. Il metodo preventivo più efficace per tutelare l’essere umano consiste nell’evitare le punture di zanzara, tramite l’uso di repellenti cutanei e soggiornando quanto più possibile in ambienti protetti da zanzariere e/o provvisti di diffusori di insetticidi ad uso domestico.

Secondo il nuovo bollettino settimanale dell’Istituto superiore di sanità, da inizio giugno 2022 sono 517 in totale i casi confermati (erano 475 nell’ultimo report), con 28 morti (erano 25 la settimana scorsa): 5 in Piemonte, 5 in Lombardia, 14 in Veneto, 1 in Friuli-Venezia Giulia, 3 in Emilia Romagna.