Lun 28 Nov 2022
spot_img
HomeAttualitàVibo, integrato il servizio di trasporto...

Vibo, integrato il servizio di trasporto scolastico per diversamente abili

Viene integrato, da lunedì 14 novembre, il servizio di trasporto scolastico per dare risposte anche alle esigenze dei soggetti fragili o non autosufficienti del territorio di Vibo Valentia.

A renderlo noto è l’assessore alle Politiche sociali Rosa Chiaravalloti, la quale riferisce come “quotidianamente vengano sottoposti all’attenzione del settore più bisogni complessi che interessano diversi aspetti della qualità di vita: quello economico, sociale, della disabilità e delle fragilità in genere, coinvolgendo pertanto l’attivazione di un processo multidimensionale di per sé articolato con la partecipazione di diversi attori istituzionali e non.

Il servizio professionale – aggiunge l’assessore – risponde al bisogno con una presa in carico tempestiva, che tuttavia non può esimersi dal rispetto degli atti amministrativi che necessitano di progettazioni articolate ad evidenza pubblica utili a garantire un servizio continuativo, individualizzato ed al contempo generalizzato.

Il nostro compito – rimarca l’esponente dell’esecutivo Limardo – è quello di supportare le persone senza creare dei servizi che vadano a ledere il percorso inclusivo, ma al contrario che creino opportunità di autodeterminazione. Il nostro volere è quello di realizzare servizi individualizzati ma allo stesso tempo in grado di soddisfare il bisogno della collettività, abbandonando finalmente il concetto di assistenzialismo”.

Le richieste che pervengono dalla collettività non rimangono inevase, ed anzi il settore porta avanti una serie di adempimenti con il fine ultimo della concretizzazione dell’intervento e della soddisfazione del bisogno nel rispetto delle norme vigenti. Come nel caso, appunto, del servizio di trasporto scolastico, il cui finanziamento statale è arrivato solo a fine ottobre.

“Purtroppo ci rendiamo conto che i tempi di attesa a volte sembrano eccessivamente lunghi per chi richiede un servizio – conclude l’assessore Chiaravalloti – ma dobbiamo necessariamente attenerci al rispetto delle norme che ci consente di dare servizi più strutturati, duraturi e utili e soprattutto rivolti non al singolo soggetto ma a quanti dovessero trovarsi nelle condizioni di doverne usufruire”.