Lun 15 Lug 2024
spot_img
HomeCronacaAppalti e concorsi truccati nel Cosentino,...

Appalti e concorsi truccati nel Cosentino, tre misure cautelari e 28 indagati

Appalti e concorsi truccati, ma anche lavori affidati agli amici: sono le accuse emerse da un’inchiesta della Procura di Paola, nel Cosentino, sfociato oggi nell’esecuzione di tre misure cautelari per un totale di 28 indagati. Agli arresti domiciliari è finito Salvatore Paonessa di Lamezia Terme.

Truccati appalti e concorsi

Divieto di dimora per l’ex sindaco di Cleto, Giuseppe Longo, e obbligo di dimora per Alfonso Francesco Alimena, di Aprigliano. Secondo le indagini, coordinate dal procuratore capo Pierpaolo Bruni, l’ex sindaco Longo avrebbe pilotato un concorso per l’assunzione di un istruttore direttivo amministrativo.

Per i pm, Alimena avrebbe favorito a un concorso il candidato Paonessa e incassato denaro che gli sarebbe stato versato dal vincitore del concorso attraverso l’allora sindaco Longo. Tutte ipotesi da dimostrare.

Sono 28 le persone indagate dalla Procura di Paola

Oltre ai tre destinatari delle misure cautelari, ci sono altre 25 persone indagate. Stando alle indagini del procuratore Pierpaolo Bruni e del sostituto Luca Natalucci, gli indagati avrebbero truccato importanti appalti pubblici, assunzioni, affidamenti di servizi a ditte amiche anche attraverso la mediazione di professionisti compiacenti. Le accuse contestate, a vario titolo, sono di tentata concussione e turbata libertà degli incanti. Le misure cautelari sono state eseguite oggi dalla guardia di finanza.