Mar 28 Set 2021

sibarinet

Home Pianeta Unical Rinnovamento è Futuro si presenta agli...

Rinnovamento è Futuro si presenta agli studenti

«Il fine di chi vuole fare guerra è potere combattere con ogni nemico alla campagna, e potere vincere una giornata. A volere fare questo, conviene ordinare uno esercito. A ordinare lo esercito, bisogna trovare gli uomini, armargli, ordinargli e ne’ piccoli e ne’ grossi ordini esercitargli, alloggiarli e al nemico di poi, o stando o camminando, rappresentargli».

Su suggerimento di Machiavelli, come recita nell’opera “Dell’arte della guerra”, tutti i candidati della lista Rinnovamento è Futuro sono agguerriti e ben addestrati, con l’unico intento di imporre i dettami della buona rappresentanza all’Università della Calabria.

Schivando qualsiasi seducente ma al contempo viscido compromesso e calpestando i condizionamenti imposti dalla governance, a prescindere dalle sembianze assunte da questi nel corso del tempo, un fragoroso urlo alla legalità ha squarciato l’aria dell’aula Caldora.

Nella giornata di ieri si è infatti svolta la presentazione del programma elettorale della lista Rinnovamento è Futuro. Questo progetto, come esposto in apertura dell’evento, nasce nel 2012 dall’intesa di quattro storiche associazioni dell’Unical, ovvero Università Futura, Rinnovamento Democratico Universitario (RDU), Dimensione Area Studentesca e Rete Universitaria Nazionale, alle quali si sono accostate, dichiarando totale adesione, altre importanti realtà associative, quali Aurora e Agorà.

I valori di Rinnovamento è Futuro, anche in questa tornata elettorale, gravitano totalmente intorno al mondo studentesco. Sono gli studenti al centro di qualsiasi battaglia, perché è necessario – a detta di RèF – con un lavoro serio e quotidiano, dar voce alle loro istanze. Si vuole, in aggiunta, contribuire al processo di crescita culturale e sociale dell’ateneo, attuabile in toto solo perseguendo la via della trasparenza, in una realtà solo teoricamente incontaminata.

Prima di spalancare le porte del palcoscenico ai candidati in corsa, hanno preso la parola Domenico Tulino, Presidente del Consiglio degli Studenti e Consigliere d’Amministrazione, e Nicola Caruso, Senatore Accademico e Presidente di RDU. I due veterani, protagonisti in questi anni di battaglie e vittorie cruciali, tutt’altro che futili, con un velo di commozione nella voce, hanno sapientemente assunto il ruolo di guida. E, con un entusiasmo strabordante di dedizione, hanno trasmesso ai nuovi candidati la propensione alla ricerca della qualità nella loro militanza.

Sono stati invitati, di seguito, a prendere parola i candidati agli organi maggiori della lista Rinnovamento è Futuro: i candidati al Senato Accademico, Roberta Branca, Vincenzo Fallico, Mario Russo e Francesco Tevere; i candidati al Consiglio di Amministrazione, nonché Angela Campolongo e Gaetano Calagna; infine i candidati al CUS, Francesco Mazza e Giuseppe Cuda.

Il motto degli interventi: “Andiamo a vincere!”.

Questo rappresenta il rush finale, nonché il momento in cui finalmente il progetto Rinnovamento è Futuro spera di raccogliere i frutti di tutto il lavoro fatto per anni, senza sosta. Lo scorso anno la libertà democratica di voto del mondo studentesco era stata strozzata ma questa volta la delusione ha lasciato spazio alla voglia di riscatto, alla passione e al coraggio di porsi in veste di promotori, o meglio prosecutori, di un cambiamento.

L’auspicio primario è che alle urne, il 14 e 15 maggio, gli studenti abbiano la consapevolezza di un voto informato. Perché se è vero che «Un risultato superiore consiste – come afferma Sun Tzu nel trattato “L’arte della guerra” – nel conquistare intero e intatto il paese nemico; distruggerlo costituisce un risultato inferiore», uno dei candidati al CDA, Gaetano Calagna, insiste su una campagna elettorale leale basata su un assalto delle aule e del ponte, al fine di informare e dar voce a tutti i risultati raggiunti fino ad ora, piuttosto che puntare sulla disinformazione e l’affossamento degli avversari.

Ilenia Viola