Coronavirus: rassicurazioni da sindaci ed associazioni di Catanzaro e Lamezia

coronavirus-rassicurazioni-catanzaro-lamezia-terme
I comuni di Catanzaro e Lamezia Terme, ad oggi, non hanno registrato nessun caso di contagio
Pubblicità

Sergio Abramo e Paolo Mascaro, sindaci di Catanzaro e Lamezia Terme, e le associazioni di categoria Confcommercio, Confesercenti e Confartigianato sono intervenuti sull’emergenza coronavirus sottolineando che la questione è assolutamente sotto controllo e invitano i cittadini a non lasciarsi coinvolgere da eccessivi allarmismi.

I comuni di Catanzaro e Lamezia Terme, ad oggi, non hanno registrato nessun caso di contagio, così come tutto il territorio calabrese. Sono purtroppo numerosissime le fake news che circolano in questo momento sui social network o nelle chat, con la conseguenza che si registrano situazioni di panico ingiustificato. È opportuno ricordare che le uniche fonti autorevoli sono quelle ufficiali e si consiglia di cercare, per quanto possibile, di vivere serenamente la propria quotidianità, senza abbandonarsi alla paura, che porta solo ad azioni dannose per se stessi e la collettività.

Al contempo, è necessario rispettare con rigore le prescrizioni emanate dalle istituzioni, finalizzate alla prevenzione e al contenimento del contagio. La situazione a livello regionale è costantemente monitorata ed è stato istituito un numero verde apposito (800-767676) al quale rivolgersi per tutte le informazioni necessarie.

È doveroso ringraziare in modo particolare il personale sanitario, la protezione civile, i militari, le forze di polizia e tutti coloro che stanno lavorando costantemente per garantire nelle nostre città la massima sicurezza possibile.

Non si può negare che la psicosi della pandemia stia determinando una ricaduta negativa sull’economia locale e, soprattutto, sulle piccole imprese del commercio e del turismo ed è destinata a crescere ulteriormente qualora non le si ponga un freno. A tal fine, le istituzioni e le associazioni di categoria continueranno a collaborare per garantire il massimo supporto alle imprese del territorio e ricondurre la problematica del coronavirus ai reali livelli di pericolo, mediante iniziative e soluzioni più opportune a limitare i danni.

In particolare il sindaco di Catanzaro, Abramo, ha già chiesto e ottenuto dal Consiglio comunale l’adesione alla richiesta fatta alla Regione Calabria di un sostegno, tramite i fondi europei, per le attività economiche in difficoltà. Bisogna ora attivarsi con l’Ue per chiedere una deroga e l’autorizzazione per far sì che una parte dei fondi comunitari non spesi vengano utilizzati in una Regione agli ultimi posti per reddito ed occupazione.

Pubblicità