Home Costume & Società "Io non rischio", la campagna sulla...

“Io non rischio”, la campagna sulla resilienza quest’anno online

Anche quest’anno torna “Io non rischio”, la campagna promossa e realizzata dal Dipartimento della Protezione Civile, Anpas, Ingv, ReLuis e Fondazione Cima, che si terrà il 10 e 11 ottobre in occasione dell’apertura della Settimana della Protezione civile.

Per quest’anno le piazze “Io non rischio -Terremoto-“ sono gestite dai volontari delle organizzazioni nazionali di protezione civile: Agesci, Ana, Anai, Anc, Anpas, Avis, Anvvfc, Caritas italiana, Cisom, Cives, Cngei, Cri, Era, Fin, Fir-CB, Lares, Legambiente Onlus, Misericordie d’Italia, Nucleo di protezione civile Inps, Prociv Arci,Prociv Italia, Rnre, Ucis, Unitalsi, Vab, e con le associazioni regionali e i gruppi comunali, in versione digitale!

Il rischio sismico è stato il primo ad essere portato in piazza fin dall’edizione del 2011, grazie alla collaborazione tra il Dipartimento di Protezione Civile, l’ANPAS- Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze, l’INGV- Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e il Consorzio ReLUIS- Rete dei Laboratori Universitari di Ingegneria Sismica.

Io non rischio è una campagna di comunicazione che per tema ha le buone pratiche di protezione civile. Anche se il rischio sanitario non è ancora tra quelli trattati dalla campagna, in questi lunghi mesi di emergenza pandemica abbiamo avuto la conferma di quanto le scelte e le azioni di ognuno finiscano inevitabilmente per incidere sulla vita di tutti. Più una comunità si dimostra preparata e informata sui rischi che corre e sulle buone pratiche da adottare per mitigarli, più risulta resiliente e capace di affrontare qualsiasi emergenza.

Ma informare sulle buone pratiche di protezione civile non basta. Bisogna saperle vivere in prima persona e incarnarle, per promuoverle.

Pertanto, per minimizzare la possibilità di assembramenti e – allo stesso tempo – per rispettare il distanziamento fisico e sanitario senza rinunciare alla vicinanza sociale, l’edizione 2020 di “Io non rischio” è un’edizione digitale. I consueti luoghi di incontro e condivisione – le piazze – continueranno a esserci. Ma prenderanno vita in uno spazio “altro”: lo spazio digitale.

Dopo l’esperienza della precedente edizione, svoltasi nella piazza L. Aiello del Comune di Scala Coeli, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale, questa Misericordia-ci dichiara il Governatore dell’associazione, Rocco Acri– anche quest’anno ha aderito a INR organizzando dei punti d’incontro online, su Facebook. Le pagine e gli Eventi Facebook saranno i punti di aggregazione digitale, aperti alla partecipazione di tutti i cittadini che vogliano informarsi e condividere le proprie esperienze sui rischi che insistono sui nostri territori e sulle buone pratiche che possiamo adottare per mitigarli.

Io non rischio, è una campagna di comunicazione che promuove la resilienza. Nell’ambito della protezione civile, la resilienza di una comunità viene definita come la sua capacità di affrontare gli eventi calamitosi, di superarli e di uscirne rafforzata o addirittura trasformata. Abbiamo adesso l’occasione di dimostrare l’esattezza di questa definizione accogliendo la sfida del cambiamento e della trasformazione, conciliando la necessità del distanziamento imposto dalla pandemia con l’importanza del continuare, sempre più, a partecipare, incontrarci e condividere esperienze e informazioni.

L’evento ha ottenuto il patrocinio del Comune di Cariati.

Pertanto, cercateci sui Social Media alla pagina della Misericordia di Scala Coeli. 

Noi vi aspettiamo dalle ore 09:00 alle 12:00 di domenica 11 ottobre 2020”.