Home RUBRICHE L’Agenda Legale del Cittadino Cassazione: nullità delle cartelle Equitalia prescritte

Cassazione: nullità delle cartelle Equitalia prescritte

A cura dell’Avv. Luigi Salvatore Falco

L’Agenzia delle Entrate – Riscossione (già Equitalia) può richiedere il pagamento delle pretese tributarie prescritte ma resta ferma la facoltà del contribuente di agire in giudizio per chiederne l’annullamento con espressa domanda di accertamento della prescrizione.

Ad affermarlo è la Cassazione che, con la sentenza n. 23227/2020, così provvede “Peraltro, occorre rilevare che, comunque, l’amministrazione tributaria è sempre tenuta a fare valere i suoi crediti nel rispetto dei termini di prescrizione.

Nell’ipotesi che tali termini non siano rispettati e che la prescrizione maturi dopo la notifica della cartella di pagamento, ben può il contribuente contestare l’estinzione della pretesa fiscale opponendo l’intimazione di pagamento”.

Per tali ragioni, qualora sia maturata la “prescrizione” (ovvero dalla data di notifica della cartella sia trascorso un tempo tale da determinare l’estinzione ex lege del debito tributario), per il contribuente sarà possibile chiedere l’annullamento dei debiti tributari al Giudice competente per materia e valore.