Home Pianeta Unical Unical, RèF: "Rientro negli alloggi con...

Unical, RèF: “Rientro negli alloggi con tampone”

di Antonio Sergi

Prosegue la missione di Rinnovamento è Futuro per la difesa e la tutela del diritto allo studio, con azioni concrete e sempre tese a preservare il dialogo. Nel corso dell’ultima seduta ordinaria del Senato Accademico dell’Università della Calabria, RèF, attraverso i propri senatori e rappresentanti, ha depositato un’interrogazione al rettore per conoscere le modalità che l’Ateneo avrebbe previsto per il rientro negli alloggi degli studenti rientrati presso il proprio domicilio in occasione delle festività, proponendo contestualmente di permettere il rientro previa effettuazione di un tampone antigienico o molecolare, anche sfruttando il servizio offerto dal Centro Sanitario.

«Al momento – riferiscono – l’Ateneo non ha ancora predisposto le modalità per il rientro degli studenti e non ha fornito risposte ufficiali ad un’interrogazione avanzata negli organi che necessita di una risposta prima della prossima seduta utile. Chiediamo di accettare la nostra proposta che permetterebbe il dovuto rientro nelle residenze in totale sicurezza e che gli studenti vengano portati a conoscenza, tramite i canali social ufficiali, delle disposizioni in materia di rimborso dei servizi previsti dall’art. 11 del Bando Diritto allo Studio e le relative modalità di richiesta non ancora definite». Non si ferma dunque la costante attenzione di Rinnovamento è Futuro alle problematiche all’interno del Campus di Arcavacata. Nei primi giorni del 2021 si sono messi al lavoro per chiedere risposte in merito a una proposta effettuata in senato accademico dai rappresentanti Vincenzo Fallico e Mario Russo per il rientro nelle residenze. Ancora importanti azioni, dunque, sulla scia delle significative iniziative portate avanti nel 2020: un anno certamente difficile ma che è stato intenso per i risultati conquistati; basti pensare al calendario degli esami dell’intero anno accademico. l’apertura degli appelli straordinari agli studenti con disabilità e il potenziamento del servizio di Counselling Psicologico.

Un anno fa, prima dell’inizio dell’emergenza pandemica, l’installazione dei dispenser di igienizzante e il rifacimento bagni ed altri spazi del polifunzionale. RèF ha ottenuto anche la sessione straordinaria di aprile per i laureandi in corso ma anche la riduzione delle more. Tra i risultati raggiunti anche lo spostamento della scadenza della rata di iscrizione, riduzioni tasse e tanti altri vantaggi per gli studenti in difficoltà, come il recupero degli abbonamenti al trasporto pubblico tramite voucher regionali o la campagna Restart Campus, per la riapertura del campus, la riduzione delle tasse e rimborso dei servizi e ancora l’alloggio e mensa gratuiti per studenti laureati in corso ed iscritti alla magistrale.

Tra i risultati ottenuti, la borsa di studio e servizi subito per immatricolati dalla terza fase in poi e l’anticipazione dell’erogazione delle borse di studio per gli studenti del primo anno e per i fruitori del premio di laurea, la fruizione alloggio durante il periodo estivo e durante le festività, l’attivazione portale ticket Unical e semplificazione dell’accesso alle segreterie e l’apertura delle biblioteche per la consultazione dei libri non prelevabili in prestito. Nell’anno appena trascorso RèF ha fatto sì che venisse esteso il bonus pc a tutti gli studenti idonei alla borsa di studio, oltre ad aver sollecitato per realizzare il ripristino della rete wi-fi nelle residenze: cosa fatta come l’organizzazione di corsi gratuiti di lingua inglese ed esami di certificazioni a costo agevolato.

Ultimamente si è riusciti anche a ottenere la proroga della seconda rata al 23 gennaio del 2021 e la discussione per il sesto appello in tutti i Dipartimenti dal prossimo anno.