Home Attualità Covid, un anno fa a Codogno...

Covid, un anno fa a Codogno il primo caso in Italia

Un incubo che dura da un anno. Il 20 febbraio 2020, l’Italia conosce il suo primo caso accertato di Covid-19. Quando ancora si pensava che il virus fosse troppo lontano per raggiungerci, a Codogno, una dottoressa decide di non seguire i protocolli e scopre così l’esistenza del Paziente 1, il 38enne Mattia Maestri. Il giorno dopo si registra il primo morto da coronavirus. Mattia è solo il primo caso. Il primo noto, almeno, perché il coronavirus è incontrollato e si è già diffuso a macchia d’olio mentre si registrano già diversi morti per polmonite. E così il coronavirus si abbatte implacabilmente su tutte le regioni del Nord. Il governo chiude scuole, ristoranti, negozi, musei. Ma non basta. Presto è tutta l’Italia ad essere infettata da questo mostro.

Da quel maledetto giorno sono trascorsi dodici mesi di provvedimenti, restrizioni e lockdown, dalla prima diffusione alla “folle” estate, per passare poi alla seconda, e ancor più potente, ondata. E un bilancio che giorno dopo giorno si aggrava e arriva a toccare quota 2.780.882 casi e oltre 95mila vittime.