Ven 18 Giu 2021
Advertising
Home Sport Calcio Pordenone - Cosenza, i calabresi perdono....

Pordenone – Cosenza, i calabresi perdono. È serie C

Pordenone – Cosenza

Primo tempo caratterizzato dal tanto nervosismo in campo che ha inciso sul gioco delle due squadre. Tanti errori e poche chiare occasioni da gol. Meglio il Pordenone in avvio di gara, poi ci prova il Cosenza ma il risultato rimane inchiodato sullo 0-0. Nel secondo tempo Butic, entrato dallla panchina, spegne le speranze del Cosenza che vede aprirsi le porte della Serie C.

Parte forte il Pordenone

Primo squillo del Pordenone con Zammarini che si accentra bene ed impegna Falcone, dopo soli tre minuti di gioco, bravo a rifugiarsi in angolo. Sugli sviluppi del corner si rende ancora pericoloso il Pordenone, questa volta con Magnino che prova a sfruttare la bagarre in area, ma Falcone blocca a colpo sicuro. Continua ad insistere la formazione di casa, mentre il Cosenza appare pensieroso e in difficoltà, costretto a rimanere basso per arginare l’incursione dei neroverdi.

Tanto nervosismo in campo

Partita che si addormenta progressivamente nel corso del primo tempo con il Cosenza che prova a rendersi più pericoloso rispetto ai padroni di casa, ma le vere occasioni registrate rimangono ancora quelle in avvio di gara dei neroverdi. Faticano entrambe le squadre a trovare gli spazi giusti per aggredire e la sensazione della “paura” di perdere inizia ad incidere sulla qualità delle giocate e sulla tranquillità della partita. Tanto nervosismo in campo da entrambe le parti, con i calabresi e i friulani che non disdegnano interventi duri dettati, proprio, dal nervosismo.

Secondo tempo

Prova a velocizzare il gioco, come in avvio di gara, il Pordenone che si affaccia pericolosamente nell’area di rigore rossoblù in due occasioni, senza concretizzare. Ci prova anche il Cosenza, ma la linea difensiva neroverdi rimane attenta lascia pochi spazi sapendo che anche un pari basterebbe per ai ramarri per raggiungere la salvezza.

Un tentativo per parte

Un’occasione per parte nel tentativo di sbloccare il match. Ci prova Crecco per il Cosenza che riesce ad impattare il pallone, ma la conclusione si spegne sul fondo. Pochi minuti dopo il Pordenone trova l’occasione migliore di tutta la partita ma la traversa mantiene vive le speranze del Cosenza, anche se l’arbitro aveva ravvisato una posizione di fuorigioco.

Vantaggio Pordenone

Verticalizzazione pericolosissima del Pordenone che lancia Ciurria imprendibile. Supera Ingrosso. Serve in mezzo per Butic che deve solo spingere la palla in rete per il gol che vale la salvezza dei padroni di casa. Nei minuti di recupero Crecco, sfortunato nel rimpallo, butta la palla nella propria porta per il definitivo 2 – 0, condannando il Cosenza in Serie C.


Pordenone: Perisan; Falasco, Bassoli, Camporese, Vogliacco; Misuraca, Calò, Magnino; Zammarini; Musiolik, Ciurria

Panchina: Bindi; Berra; Stefani; Barison; Pasa; Biondi; Finotto; Scavone; Mallamo; Butic; Chrzanowski; Rossetti

Allenatore: Maurizio Domizzi

Cosenza: Falcone; Legittimo, Ingrosso, Tiritiello; Crecco, Sciaudone, Kone, Sueva; Tremolada; Gliozzi, Carretta

Panchina: Matosevic; Saracco; Corsi; Idda; Mbakogu; Sacko; Bouah; Schiavi; Vera; Trotta; ANtzoulas; Petrucci

Allenatore: Roberto Occhiuzzi

Arbitro: Sig. Michael Fabbri di Ravenna

Assistenti: Sig. Filippo Valeriani di Ravenna e Sig. Alessandro Lo Cicero di Brescia

IV Uomo: Sig. Manuel Volpi di Arezzo

Marcatori: Butic (POR); Crecco (aut. COS);

Sostituzioni: Trotta per Sueva (COS); Pasa per Calò (POR); Sacko per Tremolada (COS); Butic per Musiolik (POR); Corsi per Kone (COS); Mbakogu per Legittimo (COS); Barison per Misuraca(POR); Scavone per Magnino (POR)

Ammoniti: Musiolik (POR); Tiritiello (COS); Bassoli (POR); Misuraca per  (POR); Scavone (POR);

Espulsi: Tiritiello (COS);

Recupero: 0’ p.t. ; 5’ s.t