Lun 26 Lug 2021
Advertising
Home Costume & Società Ambiente Emergenza rifiuti nel cosentino, nessuna risposta...

Emergenza rifiuti nel cosentino, nessuna risposta da parte della Regione

Già il 29 giugno in una lettera indirizzata al Presidente f.f. della Regione Calabria Nino Spirlì, all’Assessore Regionale all’Ambiente Colonnello Sergio De Caprio, al Dirigente Generale, al presidente dell’ATO 1 Cosenza, al Duc ATO Cosenza, a Calabra Maceri e Servizi SPA e per conoscenza al responsabile dell’ufficio tecnico del Consorzio Valle Crati Ing. Oreste Citrea, avente ad oggetto la discarica consortile di loc Vetrano San Giovanni in  Fiore, il Presidente del Consorzio Valle Crati Avv. Maximiliano Granata, aveva evidenziato l’imminente esaurimento dei  conferimenti e realizzazione lavori a seguito di rilascio provvedimento autorizzatorio unico in materia ambientale Paur, stato di emergenza, comunicazioni per uscire dall’emergenza.

In quella stessa data era stato precisato che al fine di scongiurare l’imminente ma soprattutto preoccupante problematica, risultava assolutamente indispensabile addivenire ad una o piu’ soluzioni condivise tra tutti gli enti in indirizzo che consentano, di proseguire, comunque i conferimenti, considerata la momentanea totale assenza di impianti nei quali conferire i rifiuti prodotti dal territorio della provincia di Cosenza.

Infine a fronte delle considerazioni sopra esposte, erano state invitate con estrema ed assoluta urgenza tutti gli enti ed i loro responsabili a voler promuovere nell’immediato un incontro che potesse convogliare forze istituzionali ed uffici preposti verso la formulazioni di soluzioni di carattere tecnico ed economico per scongiurare l’interruzione del servizio di conferimento da erogare presso la discarica di San Giovanni in Fiore.

Ad oggi a fronte dell’emergenza nella provincia di Cosenza, non è ancora arrivata nessuna risposta ed incontro da parte della Regione Calabria.

A dichiararlo il presidente del Consorzio Valle Crati Avv. Maximiliano Granata.