Mar 21 Set 2021

sibarinet

Home Cronaca "Elogia i boss", vietato il concerto...

“Elogia i boss”, vietato il concerto alla cantante calabrese Teresa Merante

Niente concerto per la cantante che inneggia ai boss come Totò Riina e invita a sparare ai poliziotti definiti “pezzenti”. La decisione assunta “per ragioni di ordine pubblico” dalla Questura di Crotone. La cantautrice si sarebbe dovuta esibire nel borgo di Melissa per “la Festa del Grano”.

La calabrese Teresa Merante continua a far discutere. Le sue canzoni choc sono già state oggetto di attenzione in parlamento e in commissione antimafia.

L’artista è stata sotto accusa per il contenuto di alcuni testi che, secondo i suoi detrattori, inneggerebbero ai capi della mafia calabrese e siciliana. Lei si è difesa replicando che quelle canzoni fanno parte del repertorio culturale del Sud. Merante nega di essere la cantante della malavita, sostenendo che la sua famiglia “nulla ha mai avuto a che fare con la criminalità organizzata. Non accetto di essere etichettata come la cantante della malavita in Calabria. Le mie interpretazioni in musica sono state canzoni d’amore, d’aggregazione, di allegria sulle bellezze della Calabria e anche sul canto di malavita che fa parte della trazione popolare calabrese fin dagli anni Settanta”.

Evidentemente, non la pensa così la Polizia che anche questa volta ha vietato l’esibizione in pubblico della cantante.