Dom 24 Ott 2021

spazio pubblicitario disponibile

HomeAttualitàSalute&BenessereTest salivari rapidi in tutte le...

Test salivari rapidi in tutte le scuole per scongiurare focolai Covid

“Cosa si aspetta a programmare e far partire  immediatamente  uno screening di massa dei test salivari rapidi, fai date in tutte le scuole italiane, per studenti e personale scolastico? Solo in questo modo si può monitorare, prevenire e scongiurare la diffusione dei contagi, la chiusura delle classi e il ritorno alla Dad, come sta purtroppo già avvenendo in molte regioni italiane”. E’ quanto il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, afferma, ancora una volta, e, annuncia, “ribadirà con forza domani sera dal popolare programma Zona Bianca di Rete 4 dove sarà ospite, in collegamento diretto dallo studio di Diritti Civili, per la terza volta consecutiva nelle ultime tre settimane”. “Chiedo al Governo di ascoltare la voce disperata del popolo del mondo della scuola che chiede di potere utilizzare questi test salivare, ma quelli semplici, rapidi, fai da te, il cosiddetto lecca lecca, che si possono fare a casa e in quindici minuti danno il risultato. Questo screening di massa consentirebbe a tutti, al personale non vaccinato di poter dimostrare la propria negatività e accedere così a scuola e all’università, senza perdere lavoro, stipendio e  possibilità di studio, per gli studenti, afferma Corbelli. Perché il Governo anziché questo screening di massa continua ad accanirsi contro gli insegnanti e il personale(già vaccinati per oltre il 94%!) e gli studenti non vaccinati (tutti per validi motivi) e che non possono sottoporsi ogni 48 ore (o 72 ma a costi insostenibili e con risultato dopo 24 ore!) alla tortura del tampone molecolare?  Perché anziché pensare a vaccinare(con un farmaco sperimentale) adolescenti e bambini non si attua subito questa operazione di verifica di massa? E’ quello che Diritti Civili continua a chiedere da mesi. Una giusta battaglia la nostra con decine di migliaia di adesioni da tutte le regioni italiane, insieme ad una valanga di apprezzamenti ed elogi al leader di Diritti Civili, per la sua coraggiosa battaglia. Domani sera, dal programma Zona Bianca, chiederò conto anche di questo (il grave e assolutamente ingiustificato ritardo della campagna dei test salivari nelle scuole) al Governo del nostro Paese e a chi continua a criminalizzare chi liberamente (per validi motivi) ha deciso di non vaccinarsi e chiede solo di poter utilizzare dei test salivari per dimostrare la propria negatività, accedere così al luogo di lavoro o studio, non perdere il lavoro, lo stipendio, la possibilità di studiare e non finire in mezzo ad una strada”.