Mar 30 Nov 2021
spot_img
HomeAttualitàSalute&BenessereCode e assembramenti al CUP dell'Ospedale:...

Code e assembramenti al CUP dell’Ospedale: alla faccia del Covid

Ancora sul portale dell’AO è scritto, a chiare lettere, che gli utenti possono presentarsi Fron Office (Sportello) dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza, ma a quanto pare non è più così.

Da questa mattina, in molti però si sono ritrovati assembrati, nonostante le raccomandazioni del Ministero della salute di distanziamento interpersonale, davanti gli sportelli del Cup dell’Ospedale di Cosenza per espletare ciò che, solo fino a ieri e non senza attese, si riusciva ad eseguire dagli sportelli preposti alla richiesta di documentazioni, referti, prenotazioni.

Ebbene sì, da oggi si è “pensato bene” di sospendere l’erogazione dei ticket necessari per fare la fila. Insomma, le interminabili code al Cup non solo sono diventate ormai una certezza, ma anche un rischio.  Non c’è neanche un posto a sedere, la stanza è pienissima e molti anziani sono costretti a stare in piedi. Accade l’esatto contrario di quanto avviene in un qualsiasi negozio: il numero di persone in attesa supera quelle che potrebbero sostare vicine. Insomma, code e prestazioni sanitarie sono un binomio classico a Cosenza, ma in tempo di Covid ancora più insopportabili. E con gli assembramenti che fanno aumentare timori, disagi e proteste.

Le code all’Ospedale non sono una novità visto l’alto afflusso di utenti che ogni giorno accede alla struttura che offre molti servizi, ma con il Covid tutto è peggiorato perché ora si fanno i conti con la paura del contagio. In più c’è l’evidente contraddizione di una sanità che da una parte invoca il distanziamento sociale, ma poi a casa sua non sempre lo rende possibile.

Stanchi di essere continuamente attaccati dagli utenti anche gli operatori, che non si staccano dai computer.