Sab 1 Ott 2022
spot_img
HomeSportCalcioCosenza Calcio, contro il Bologna non...

Cosenza Calcio, contro il Bologna non basta l’ottimo Matosevic

Con la sfida di ieri, in Coppa Italia contro il Bologna, si è giocata la prima partita ufficiale della stagione 22/23 del Cosenza calcio apparso solido e ben organizzato in campo capace di non sfigurare di fronte ad una squadra di categoria superiore. 

Un Cosenza nuovo e diverso rispetto quello visto qualche mese fa contro il Vicenza durante i play out. La mano di Dionigi si fa vedere, soprattutto nel primo tempo quando il Cosenza pressa alto (a volte a ridosso dell’area di rigore avversaria) e ripiega bene in fase difensiva, anche se il lavoro del quinto aggiunto in difesa ancora risulta macchinoso, le azioni più pericolose del Bologna – di fatti – sono arrivate con i cambi di gioco tra le fasce dove un uomo riusciva spesso a ricevere quasi indisturbato.

Una sconfitta agrodolce quella di ieri al Dall’Ara di Bologna nei trentaduesimi di Coppa Italia per il Cosenza che sicuramente, oggi, è più consapevole dei suoi punti di forza e anche di quelli deboli: Matosevic, chiamato in causa più volte da Arnautovic e compagni, migliore in campo insieme a D’Urso, Florenzi e il pacchetto arretrato di difesa Rispoli, Rigione e Vaisanen (quest’ultimo incerto in qualche occasione ma subito pronto a risolvere l’infortunio); Panico soffre di più rispetto ai compagni di reparto, ma De Silvestri non è un cliente facile. Voca e Vallocchia combattono e si danno da fare, entrambi sembrano dare il meglio, però, in fase di copertura davanti la difesa che in fase d’impostazione; Brignola sottotono ma la sua fantasia tornerà di certo utile durante il campionato, mentre Larrivey vede troppi pochi palloni per riuscire a creare qualcosa di concreto. Bene l’ingresso di Butic che dimostra anche grande personalità provando, nel finale di partita, una conclusione difficile.

Dopo la partita di ieri, dunque, la consapevolezza è quella di una squadra dalle basi solide e con elementi di categoria, ma il campionato è alle porte e serve ancora qualche innesto (almeno tre) dal mercato per completare la rosa.