Ven 9 Dic 2022
spot_img
HomePoliticaConsiglio regionale, dietrofront del centrodestra: ritirata...

Consiglio regionale, dietrofront del centrodestra: ritirata la legge “moltiplica-poltrone”

“Si è convenuto – nel corso di una riunione del centrodestra terminata poco fa – di riproporre, nei prossimi mesi, alle Commissioni competenti e all’Aula, l’iniziativa legislativa che introduce la figura del consigliere-supplente”.

Lo ha annunciato, attraverso una nota stampa, il presidente del Consiglio regionale, Filippo Mancuso, in merito alla proposta di legge sul cosiddetto “consigliere supplente“.

L’iniziativa legislativa mira a stabilire l’incompatibilità tra la carica di consigliere e quella di assessore regionale ed è arrivata proprio nel periodo in cui il governatore Roberto Occhiuto è chiamato a un “mini-rimpasto” di Giunta, dopo l’elezione di un paio di assessori in Parlamento. La natura e le tempistiche della proposta hanno fatto discutere in questi giorni, trovando l’opposizione della minoranza di Palazzo Campanella. 

“Assodato che la proposta legislativa dei gruppi di maggioranza, finalizzata a introdurre – anche in Calabria così com’è stato tranquillamente fatto in altre Regioni – l’incompatibilità tra lo status di consigliere regionale e quello di assessore, poggia su solide basi costituzionali e statutarie. Che è una proposta che non comporta alcun aggravio di spesa, tantomeno un sovvertimento delle norme dello Statuto regionale, perché, qualora fosse approvato, il provvedimento legislativo non modificherebbe la previsione statutaria di 30 consiglieri e di 7 assessori che, infatti, rimane inalterata.

Si tratta, infatti, di una proposta di legge che, introducendo la figura del consigliere – supplente, attua un principio fondamentale dello Stato di diritto e delle democrazie liberali: l’incompatibilità tra lo status di consigliere regionale e quello di assessore. Tutto ciò, per distinguere nettamente la funzione di controllo e vigilanza, tipica del consigliere regionale, da quella gestionale che spetta all’assessore”, scrive Mancuso.

“Tuttavia, pur essendo la proposta condivisa all’unanimità da tutta la maggioranza, proprio per affrontare, con maggiore serenità e in una logica di sistema le problematiche istituzionali, si è convenuto – nel corso di una riunione del centrodestra terminata poco fa – di riproporre, nei prossimi mesi, alle Commissioni competenti e all’Aula, l’iniziativa legislativa che introduce la figura del consigliere-supplente assieme a una serie di altre modifiche dello Statuto e del Regolamento, con l’obiettivo fondamentale di migliorare l’architettura istituzionale della Regione, per renderla più trasparente, democratica ed efficiente.

Ribadendo la giustezza politica e legislativa del provvedimento che intendiamo rinviare, auspico che tutte le forze politiche presenti in Aula, sui temi istituzionali e sulle questioni di più stringente attualità, si adoperino, per recuperare, nella fisiologica dialettica maggioranza-opposizioni, i tratti della leale collaborazione e della responsabilità, requisiti – conclude il presidente dell’Assemblea – indispensabili per garantire alla Calabria realistiche prospettive di futuro”.