Mar 7 Feb 2023
spot_img
HomeSportCalcioLa Reggina ricomincia con una sconfitta....

La Reggina ricomincia con una sconfitta. L’autogol di Gagliolo indirizza la gara a favore della SPAL

A pochi giorni dal 109° compleanno, la Reggina ricomincia il suo cammino in cadetteria sull’erba dell’ “Oreste Granillo” dove ospita la SPAL di Daniele De Rossi. Due Campioni del Mondo a confronto: Inzaghi e De Rossi, compagni in azzurro durante la storica cavalcata mondiale del 2006, si sfidano per la prima volta da allenatori.

All’Oreste Granillo la Reggina vuole sfruttare il fattore campo contro la SPAL per continuare a mantenere la seconda posizione in classifica e tallonare la capolista Frosinone.

Parte molto forte la Reggina nei primi minuti di gioco cercando di impadronirsi del possesso palla, ma la SPAL sfrutta molto bene gli spazi in ripartenza facendo registrare la prima vera occasione della partita con Valzania che penetra bene tra le maglie amaranto trovando un attento Colombi bravo ad intromettersi sulla linea di passaggio nell’area piccola ed allontanare il pericolo. Occasione anche per la Reggina con gli ospiti che si complicano da soli la vita, un passaggio arretrato dai giri sbagliati di Celia lancia in campo aperto Menez che si vede anticipare all’ultimo momento da Alfonso che spazza in fallo laterale.

Partita frizzante nel primo quarto d’ora con entrambe le squadre che giocano a ritmi serrati in cerca del vantaggio. Pressione alta e gioco molto fisico della Reggina sui portatori di palla della SPAL che mette in mostra tanta qualità nel palleggio per evitare ripartenze pericolose degli amaranto.

Alza i ritmi la formazione di casa che va vicinissima al vantaggio al 20′ del primo tempo con un colpo di testa perfetto di Fabbian imbeccato dal traversone di Bouah ma vanificato solo da un gran riflesso di Alfonso che si distende e sbarra la strada al centrocampista amaranto.

Seconda parte di primo tempo in pieno controllo degli amaranto che continuano a mantenere un baricentro alto e ad assediare l’area di rigore presieduta da Alfonso con la SPAL che riesce a mantenere il risultato in equilibrio anche se con qualche difficoltà e alcuni interventi rischiosi a ridosso della propria area di rigore.

Avvio di secondo tempo a ritmi blandi rispetto la prima frazione di gara e con la SPAL che torna in campo con più coraggio ed idee rispetto ai padroni di casa che mostrano un volto completamente diverso rispetto a quello visto, soprattutto, in chiusura dei primi 45′ di gioco. tanti gli errori in costruzione degli amaranto che provano quasi sempre la soluzione lunga per sfruttare la velocità di Rivas sulla sinistra arginato bene da Peda.

Arriva al 65′ l’episodio che riaccende la partita. Da un calcio d’anglo la Reggina subisce lo svantaggio con una deviazione sfortunata di Gagliolo che beffa il proprio portiere gonfiando la rete sbagliata. Immediata la reazione dei padroni di casa che sembrano essersi risvegliati dopo lo scossone del gol subito accelerando la manovra offensiva con Rivas e Canotto; proprio il centrocampista amaranto subentrato dalla panchina prova a riaccende le speranze degli amaranto prima con una conclusione ribattuta da Alfonso e, poi, sul tap-in cadendo a terra dopo un incrocio con Dickmann che trae in inganno il direttore di gara che concede il penalty, annullato in un secondo momento dopo un on field review. Rimane in vantaggio la SPAL ma la Reggina si fa vedere più viva che mai ritornando ad assediare la trequarti spallina.

Reggina molto offensiva nell’ultimo quarto d’ora di gioco riversata in avanti in cerca del pari che gli permetterebbe, almeno, di rimanere da sola al secondo posto in classifica indifferentemente dal risultato Genoa, impegnato lunedì contro il Venezia.

Risultato – che rimane invariato fino al triplice fischio – beffardo per la Reggina, anche sfortunata nel finale quando si vede negare il pari dal polpaccio di Alfonso prima e, poi, dall’intervento sulla linea di Dalle Mura. Inizia con una sconfitta interna il 2023 della Reggina.


Reggina (4-3-3): Colombi; Bouah (dal 78′ Cicerelli), Camporese (dall’85’ Loiacono), Gagliolo, Di Chiara; Fabbian (dal 78′ Santander), Majer, Hernani; Ricci (dal 61′ Canotto), Ménez, Rivas (dall’85’ Gori)

Panchina: Aglietti, Contini, Giraudo, Liotti, Loiacono, Paura, Crisetig, Lombardi, Canotto, Cicerelli, Gori, Santander

Allenatore: Filippo Inzaghi

SPAL (3-4-2-1): Alfonso; Peda, Varnier (dal 79′ Arena), Dalle Mura; Dickmann (dal 79′ Fiordaliso), Valzania, Prati (dal 73′ Rauti), Celia; Maistro (dall’80’ Zuculini), Zanellato; Rabbi (dal 61′ La Mantia)

Panchina: Pomini, Fiordaliso, Finotto, Zuculini, Arena, La Mantia, Almici, Rauti, Oulam, Tunjov, Deme, Imputato

Allenatore: Daniele De Rossi

Arbitro: Sig. Daniele Perenzoni di Rovereto

Assistenti: Sig. Rodolfo Di Vuolo di Castellammare di Stabia e Sig.ra Tiziana Trasciatti di Foligno

IV ufficiale: Sig. Enrico Gigliotti di Cosenza 

VAR: Sig. Marco Serrra di Torino e Sig. Mattia Scarpa di Reggio Emilia (aVAR)

Marcatori: Gagliolo (aut. RGI)

Ammonizioni: Dalle Mura (SPA); Ricci (RGI); Prati (SPA): Camporese (RGI); Canotto (RGI); Menez (RGI);

Espulsioni:

Recupero: 3 p.t.; 6 s.t.