Sab 21 Mag 2022
spot_img
HomeCostume & SocietàAmbienteIn fondo al mare il più...

In fondo al mare il più grande museo della Calabria, 100mila euro dal Mibact

Il censimento effettuato dal Mibact attraverso il progetto ‘Archeomar’ ha permesso di localizzare, rilevare, documentare e catalogare lungo le coste di Calabria, Puglia, Basilicata, Campania, Lazio e Toscana oltre 1.500 siti sommersi.

I fondali calabresi  fin dai secoli più antichi costituiscono un patrimonio archeologico sommerso tra i più ingenti, dunque da tutelare.

Ultimo ritrovamento calabrese, in ordine di tempo, a Reggio Calabria, nello specchio di mare antistante la via marina. Durante l’attività di ricognizione, il rinvenimento di numerosi resti di contenitori da trasporto e porzioni di fasciame di uno o più relitti di epoca antica.

Ed è per questa ragione che il Mibact ha stanziato 100 mila euro. Il finanziamento servirà per la definizione e delimitazione dell’area attraverso attività di rilevamento strumentale, prelievo di campioni per le analisi delle essenze lignee e delle fibre vegetali, redazione delle schede dei reperti archeologici sommersi e ove necessario, all’eventuale recupero dei reperti mobili.