Home Costume & Società Solidarietà L'Anas a Rende al fianco dei...

L’Anas a Rende al fianco dei cittadini e dei bisognosi

Il tema sociale oggi è quello più avvertito. Nei giorni del lockdown, Rende oggettivamente ha risposto presente alle richieste di famiglie, cittadini, operatori e residenti. Adesso, in questa nuova fase, diventa più importante accendere i riflettori sulle diverse associazione che, insieme al Comune, lavorano per la gente. È il caso dell’Anas, l’associazione nazionale di azione sociale. Il Presidente della sezione di Rende è Mario Mazzei: con lui nominato il nuovo vice, che è Alessio Morrone. Entrambi, insieme a tanti associati, sono pronti a ripartire sul territorio, allargando la squadra e ampliando i servizi da proporre ai rendesi. L’ associazione A.n.a.s. Italia Rende, che opera nel nostro territorio a sostegno delle famiglie indigenti (raccolte indumenti, viveri, fondi e collette alimentari) sta cercando di riorganizzarsi proprio in questi giorni per dare il via ad altri numerosi progetti. Garanzia giovani, servizi civile, le attività di Caf  ma soprattutto ciò che occorra operare nel sociale.

Alessio Morrone

Il giovane Alessio Morrone, appena nominato, ha ringraziato il presidente Mazzei e si è già detto pronto per divenire, con Anas, punto di riferimento per la città e per le famiglie bisognose. L’Associazione Nazionale di Azione Sociale è stata costituita qualxhge anno fa da diversi giovani, fortemente motivati e consapevoli della necessità di un concreto e sostanziale impegno nell’ambito del sociale. Si tratta di sodalizio che, con un numero di iscritti sempre crescente, opera da tempo, in maniera capillare e determinante, saggiando ed analizzando con attenzione la difficile realtà odierna, cercando, sempre e costantemente, di offrire il proprio, seppur piccolo, contributo in ogni suo ambito. “Una libera Associazione senza scopo di lucro, che vive ed opera grazie ai proventi del tesseramento, ai progetti ed all’attività di volontariato dei soci”, ci raccontano oltre il Campagnano. Dall’assistenza domiciliare per anziani e malati; alla raccolta e distribuzione di derrate alimentari, passando per la raccolta e distribuzione di vestiario e materiale scolastico per la scuola e per i bambini, lo sportello ascolto e di orientamento sia per famiglie che per divorziati, gli interventi contro la dipendenza da alcolismo e tabagismo nei giovani, l’assistenza ai familiari dei detenuti e la formazione, l’orientamento e l’accompagnamento al lavoro.

“Siamo convinti che in città vi sia assoluto bisogno di una presenza costante e senza doppi fini. Troppe famiglie chiedono, troppi cittadini aspettano”, dicono dall’Anas di Rende. Mazzei, Morrone e tutti i soci anzi rilanciano: “proprio in questa nuova riorganizzazione generale abbiamo ritenuto utile strutturarci maggiormente per fornire, ancora di più, risposte ai bisogni della gente ed ai rendesi che invece, pur vivendo in difficoltà, non hanno la forza di esprimersi ed alzare la mano verso di loro. Facciamo il possibile anche per loro”.