Home Sport Calcio Monza - Cosenza, Tremolada fa un...

Monza – Cosenza, Tremolada fa un regalo ai lupi

Monza – Cosenza 2-2

Nel segno di… Denis! Monza – Cosenza fu l’ultima partita che vide tra i protagonisti in campo Denis Bergamini, il 12 novembre 1989. In una vicenda che non riesce a trovare fine, l’iniziativa lanciata sui social dai supporters rossoblù del gruppo “Anni Ottanta”, con l’hashtag #giustiziaperdenisbergamini, riporta alla memoria dei tifosi un ricordo che tutti, ancora oggi, tengono ben stretto nella propria memoria. Anni di lotta in cerca di una verità promossa nel cosentino attraverso varie iniziative; una strada lunga e tortuosa di cui ancora non si vede la fine. Oggi, intanto, la sfida tra Monza e Cosenza, per i tifosi, ha un simbolo ben preciso. Ed è proprio quello di Denis e del suo numero 8; un caso, forse, ma nella tradizione moderna il numero indossato con grande professionalità dal ragazzo nativo di Argenta è simbolo d’infinito, come il ricordo e l’amore che lega, e legherà per sempre, un’intera città a Bergamini.

Avvio di gara in salita per i calabresi, sotto di un gol dopo dieci minuti di gioco. Alla prima occasione buona il Monza non perdona con Barillà imbeccato da una deviazione su calcio d’angolo che gli apre lo specchio della porta facile da inquadrare. Cresce il Cosenza dopo la scossa dello svantaggio muovendo bene palla in mezzo al campo, Petrucci gestisce bene la regia distribuendo palloni da destra a sinistra. È proprio dai piedi del centrocampista rossoblù che arriva l’opportunità del pareggio sui piedi di Corsi che non calcia a tu per tu con Di Gregorio preferendo lo scarico che non trova buona sorte, stoppato dalla retroguardia biancorossa. Il Cosenza sembra crederci, ma qualcosa non funziona nell’intesa tra il reparto arretrato e il centrocampo calabrese. Altro errore difensivo dei rossoblù in fase di ripartenza, ne approfitta Gytkjaer che recupera sulla trequarti e firma il raddoppio con un tiro preciso che si infila alla spalle di Falcone. Partita di altissima intensità, con il Cosenza sempre in partita beffato dai due errori difensivi sfruttati nel migliore dei modi dalla squadra di Brocchi che si limita a contenere il risultato lasciando spazi pericolosi agli ospiti che continuano ad affacciarsi costantemente nella trequarti avversaria. Cambia, ancora una volta, il risultato a cinque dalla fine con il Cosenza che accorcia e ringrazia per l’errore di lettura di Paletta che anticipa tutti, anche Di Gregorio, infilando la palla nella propria porta, riaprendo la partita e ridando fiducia ai ragazzi di Occhiuzzi.

Continua a spingere la formazione di Occhiuzzi in avvio di secondo tempo, ingresso perfetto di Tremolada che si fa vedere spesso spaccando in due la difesa del Monza e riequilibrando il risultato del match con la rete del 2-2. Ristabilita la parità in campo con un grande rientro in partita del Cosenza che dimostra, ancora una volta, tanto carattere. Partita apertissima nell’ultima mezz’ora di gioco, con entrambe le squadre che provano l’assalto vincente. Ci va vicino il Monza con Boateng che supera Falcone a gioco fermo, però, per posizione irregolare. Il Cosenza abbassa il baricentro provando a colpire in contropiede ma i padroni di casa sfruttano un buon possesso palla non dando grandi opportunità alle ripartenza calabresi. Si complica il finale di gara del Cosenza rimasto in dieci, dopo l’espulsione di Kone. Prova a chiudere la partita la formazione di Occhiuzzi nel finale, ancora con Tremolada che illumina Sciaudone, ipnotizzato nel momento più importante dall’estremo difensore del Monza. Punto importantissimo per i calabresi che escono dal “Brianteo” con un risultato inaspettato dopo i primi minuti di gioco. Grinta, personalità e Tremolada stravolgono la partita ristabilendo la parità sul 2-2, risultato finale del match.


Monza: Di Gregorio; Donati, Betella, Paletta, Augusto; Barillà, Barberia, Frattesi; Boateng, Mota, Gytkjaer

Panchina: Lamanna; Sommariva; Lepore; Scaglia; Pirola; Sampirisi; Armellino; Fossati; Colpani; D’Errico; Marin; Maric

Allenatore: Christian Brocchi

Cosenza: Falcone; Ingrosso, Idda, Legittimo; Corsi, Petrucci, Sciaudone, Bittante; Carretta, Gliozzi, Baez

Panchina: Matosevic; Saracco; Bouah; Schiavi; Tremolada; Ba; Kone; Bahlouli; Vera; Sacko; Sueva; Borrelli

Allenatore: Roberto Occhiuzzi

Arbitro: Sig. Gianluca Aureliano di Bologna

Assistenti: Sig. Giuseppe Macaddino di Pesaro e Sig. Gabriele Nuzzi di Valdarano

IV Uomo: Sig. Giovanni Ayroldi di Molfetta

Marcatori: Barillà (MON); Gytkjaer (MON); Paletta (aut. MON); Tremolada (COS)

Sostituzioni: Tremolada per Gliozzi (COS); Armellino per Frattesi (MON); D’Errico per Barillà (MON); Colpani PER BOATENG (MON); Maric per Gytkyaer (MON); Sampirisi per Donati (MON); Sueva per Baez (COS); Vera per Corsi (COS); Kone per Carretta (COS);

Ammoniti: Sciaudone (COS); Petrucci (COS); Donati (MON);

Espulsi: Kone (COS)

Recupero: 0’ p.t. ; 4’ s. t.