Home Attualità Salute&Benessere Cosenza, il colonnello Rizzo nuovo direttore...

Cosenza, il colonnello Rizzo nuovo direttore dell’ospedale da campo

Avvicendamento al vertice dell’ospedale da campo di Cosenza: il direttore sanitario, colonnello medico Michele Tirico, ha lasciato la guida al colonnello Francesco Rizzo.

Nel suo intervento di saluto, come viene reso noto da una nota dell’Esercito italiano, “il direttore cedente ha voluto ringraziare tutto il personale sanitario e quello logistico per lo sforzo compiuto nel delicato compito chiamato a svolgere a supporto della Patria e dei cittadini nel corso dell’emergenza pandemica legata alla diffusione del virus SARS-CoV-2”.

“È stata – ha detto il colonnello Tirico – un’esperienza unica, professionalmente e umanamente, una grande sfida che ha permesso anche di testare sul campo soluzioni tecniche e organizzative. Abbiamo gestito, a partire dal suo allestimento, con competenza e spirito di sacrificio, un complesso ospedaliero CoViD, totalmente campalizzato, e ubicato a distanza dall’ospedale civile “SS. Annunziata” lavorando, con quest’ultimo in piena e totale sinergia”.

Tirico torna a Roma dove, dallo scorso 22 dicembre, ha assunto l’incarico di comandante della scuola di sanità e veterinaria militare dell’Esercito. Il nuovo direttore sanitario, colonnello Francesco Rizzo, specializzato in neurologia, direttore del centro veterani della difesa del dipartimento scientifico del policlinico militare del Celio, ha sottolineato di voler continuare l’attività svolta nel solco tracciato dal colonnello Tirico, perseguendo le sinergie istituzionali finora instaurate.

Ad oggi, presso il complesso ospedaliero campale della città di Cosenza, sono stati ospedalizzati 28 pazienti di cui 13 ricoverati, 12 dimessi e 3 trasferiti. Inoltre, nel laboratorio campale del 7° Reggimento di Difesa CBRN “Cremona”, allestito con i macchinari del dipartimento scientifico del policlinico militare del Celio, sono stati processati circa 5.000 tamponi provenienti da tutta la provincia di Cosenza.