Home Cronaca Giovane ucciso per poche decine di...

Giovane ucciso per poche decine di euro, due arresti

Confermati due indagati nell’ambito delle investigazioni sull’omicidio di Francesco Palmieri, il giovane di 27 anni, trucidato lo scorso primo aprile con un colpo di fucile alla testa tra le viuzze desolate del centro storico di Paravati, frazione di Mileto.

Oggi la conclusione delle indagini, proseguite senza sosta con l’intento di chiarire ogni aspetto della terribile vicenda. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Vibo Valentia hanno infatti notificato stamani al cugino della vittima, Nicola Polito, 34 anni, e a Pasquale Evolo, 53 anni, l’avviso di conclusione delle indagini preliminari, che sono state coordinate dal Procuratore della Repubblica Camillo Falvo e dal Sostituto Concettina Iannazzo.

Da quanto emerge dalle indagini l’omicidio sarebbe maturato al termine di un regolamento dei conti per ragioni di droga: un debito di poche decine di euro.

I due indagati, nel corso di una colluttazione, avrebbero così sparato una cartuccia dal fucile che Polito aveva portato con sé, secondo la tesi “per ottenere a tutti i costi la ragione sulla contesa”.

Ai due paravatesi vengono contestati i reati di “cooperazione nel delitto colposo”, “morte come conseguenza di altro delitto” e omicidio colposo”.