Sab 17 Apr 2021
Advertising
Home Sport Calcio Il Crotone batte il Torino 4-2....

Il Crotone batte il Torino 4-2. Che spettacolo allo “Scida”

Crotone – Torino

Partita che si sblocca nella seconda metà del primo tempo con il penalty trasformato da Simy. Il Torino risponde bene, dopo lo svantaggio, trovando il pari con Mandragora allo scadere della prima frazione di gioco. Nel secondo tempo spazio al divertimento; Simy e Reca allungano sul Toro che riapre i giochi nel finale con Sanabria. Ounas mette il punto alla partita.

Possesso palla fine a se stesso

L’aggressività iniziale del Torino sorprende i pitagorici, che accettano la pressione degli ospiti privilegiando un atteggiamento passivo ma ordinato. Il lungo possesso dei granata non spaventa il Crotone, ben posizionato in campo, che chiude tutte le linee di passaggio costringendo gli ospiti a forzare le giocate negli ultimi sedici metri. Nulla di fatto, nel primo quarto d’ora, per il Torino che manovra tanto senza mordere; l’occasione migliore passa dai piedi di Rodriguez su un calcio di punizione da distanza ravvicinata. Il difensore svizzero dà buon giro alla palla che sfiora l’incrocio dei pali.

Vantaggio rossoblù

Risponde il Crotone, nella parte centrale del primo tempo con un baricentro più alto, sull’errore di Zaza che regala palla a Messias, abile nello scatto e ad impegnare SIrigu. Pochi minuti ed è ancora il centrocampista rossoblù a rendersi protagonista  del match. Sul traversone di Molina, Messias è bravo a prendere posizione e riproporre il pallone in mezzo, bloccato dal tocco irregolare (braccio troppo largo) di Ansaldi che vale il penalty in favore dei calabresi. Dagli undici metri Simy non sbaglia e sigla il suo nono gol in campionato, portando in vantaggio i padroni di casa.

Parità ristabilita

Torna a premere sull’acceleratore la formazione di Nicola per poter rimettere in equilibrio il risultato prima del rientro negli spogliatoi. Lyanco, lasciato libero di colpire di testa sugli sviluppi di un angolo – punto debole della formazione calabrese -, sfiora il pari a poco più di tre minuti dall’intervallo. All’ultimo secondo utile, però, gli ospiti riescono a riprendere il Crotone con un buon fraseggio da quinto a quinto: Vojvoda apre dalla destra e Ansaldi si fa perdonare – per l’errore in occasione del penalty concesso ai rossoblù – con una sponda precisa sulla quale Mandragora deve solo allungare la gamba per siglare la rete del pari all’ultimo secondo disponibile del primo tempo.

S’infiamma la partita

La formazione ospite prova a comandare il gioco, tornando a gestire la partita con un lungo giro palla. Il Crotone copre bene, ma Bonazzoli prova a sorprendere tutti con una conclusione dal limite che si infrange sull’incrocio dei pali, sul tap-in Zaza prova in acrobazia spedendo alto sopra la traversa; sul ribaltamento di fronte il Crotone trova lo spazio giusto per far male al Torino salvat, in un primo momento, dal palo e poi dall’intervento di Sirigu, ma sulla seconda ribattuta Simy è nel posto giusto per siglare il vantaggio calabrese e raggiungere la doppia cifra in campionato. Il Torino, questa volta, accusa il colpo (dopo aver assaporato il vantaggio sulla conclusione di Bonazzoli); ne approfitta il Crotone che continua a spingere per chiudere la partita. Ci prova di testa Magallan, fermato dal palo, e Simy sulla ribattuta, ma la conclusione sporca termina sul fondo.

Reca firma il 3-1

Il Torino, ora, è costretto di nuovo a rincorre i calabresi. Nicola prova a dare più peso all’attacco con Verdi e Sanabria, ma il Crotone continua a non concedere spazi utili ai granata, mentre in fase offensiva continuano a renderai pericolosi. A dieci dalla fine è Reca a mettere un punto esclamativo sul match con un potentissimo mancino che infila per la terza volta Sirigu.

Ci prova il Torino, ma Ounas chiude i giochi

Partita bellissima, nella seconda frazione di gioco. Al capolavoro di Reca risponde, con un’alto eurogol, Sanabria che riapre la partita. Grande paura per i pitagorici, negli ultimi minuti, sulla conclusione di Gojak che prova a sorprendere Cordaz con un tiro a giro dal limite, ma l’estremo difensore rossoblù si fa trovare pronto deviando la palla quel tanto che basta per sporcare la traiettoria, terminata sulla traversa. In pieno recupero Ounas chiude la partita con l’ennesimo capolavoro pomeridiano.

Tante emozioni nel secondo tempo tra Crotone e Torino che regalano gol-capolavoro e tanto divertimento. I pitagorici ritrovano la vittoria in una sfida delicatissima; atteggiamento perfetto quello mostrato dai ragazzi di Cosmi, che sembra aver dato nuova vitalità ai pitagorici.


Crotone: Cordaz; Luperto, Golemic, Magallan; Pereira, Messias, Petriccione, Molina, Reca; Ounas, Simy

Panchina: Festa; Crespi; Marrone; Djidji; Rispoli; Cuomo; Zanellato; Henrique; Rojas; Di Carmine; Dragus

Allenatore: Serse Cosmi

Torino: Sirigu; Izzo, Lyanco, Rodriguez; Vojvoda, Lukic, Mandragora, Rincon, Ansaldi; Zaza, Bonazzoli

Panchina: Milinkovic-Savic; Ujksni; Ferigra; Murru; Buongiorno; Baselli; Gojak; Hovrath; Kryeziu; Greco; Sanabria; Verdi

Allenatore: Davide Nicola

Arbitro: Sig. Marco Guida di Torre Annunziata

Assistenti: Sig. Luca  Mondin di Treviso e Sig. Giovanni Baccini di Conegliano

IV Uomo: Sig. Ivano Pezzuto di Lecce

Marcatori: Simy (CRO); Mandragora (TOR); Simy (CRO); Reca (CRO); Sanabria (TOR); Ounas (CRO);

Sostituzioni: Sanabria per Zaza (TOR); Verdi per Vojvoda (TOR); Di Carmine per Simy (CRO); Gojak per Lukic (TOR); Petriccione per Zanellato (CRO)

Ammoniti: Petriccione (CRO); Cordaz (CRO); Rincon (TOR); Ounas (CRO); Mandragora (TOR); Zanellato (CRO);

Espulsi: Rincon (TOR);

Recupero: 0’ p.t. ; 5’ s.t.