Mer 14 Apr 2021
Advertising
Home Attualità Salute&Benessere Vaccini Covid - Calabria in confusione,...

Vaccini Covid – Calabria in confusione, Orlandino Greco: “Intervenga il Governo”

In Calabria regna, come spesso accade, la confusione e l’approssimazione. E tanto per non smentirci, anche nel caso della campagna vaccinale, la nostra regione rimane sempre in fondo alla classifica per dosi di vaccino anti-Covid somministrate.C’è chi ancora non riesce a prenotarsi; chi, pur essendoci riuscito e con una certa età o patologie invalidanti, ha dovuto farsi accompagnare per 200 chilometri tra andata e ritorno per vedersi somministrare la sua dose di vaccino; c’è chi addirittura di appuntamenti ne ha ricevuti due lo stesso giorno in due luoghi e orari diversi. E poi c’è il portale dedicato alle prenotazioni che è andato in tilt, bloccando l’accesso in alcuni casi e lasciando in attesa (anche per ore) quelli che erano riusciti ad accedere. Molti altri utenti, inoltre, hanno aspettato invano l’invio dei codici OTP, che sono arrivati in ritardo o non sono arrivati per niente. Il sito pare non regga, rendendo difficilissima la prenotazione a chi – soprattutto per via dell’età – non è molto pratico delle procedure telematiche.

Insomma, al peggio non c’è fine in Calabria. 

A tal proposito, l’ex consigliere regionale ed attuale segretario federale di Italia del Meridione, Orlandino Greco che affida a Facebook i propri pensieri.

Qualcuno fermi questo spettacolo indegno!
La campagna vaccinale tutt’oggi procede nella massima confusione, nonostante la gravità del contesto derivante dal numero di contagi.
Nel distretto di Cosenza, molti di coloro i quali hanno provato a prenotare la vaccinazione, si sono sentiti rispondere che non v’è disponibilità di dosi, che avrebbero potuto provare a prenotarsi in altre Province della Regione o che addirittura erano disponibili prenotazioni per gli inizi di maggio.
Ci sono interi comuni nella nostra Provincia (e non solo) dove il sistema di vaccinazioni, partito un mese fa, è fermo.
La Regione al momento non ha tutti i punti vaccinali disponibili messi in rete all’interno della piattaforma.
Il vecchio sistema di prenotazioni è stato cancellato a favore di questo nuovo sistema centralizzato: alla luce di quanto sta accadendo, erano queste le migliorie annunciate? È mai possibile che anziani e soggetti fragili debbano andare fuori provincia per ottenere una dose vaccinale in tempi brevi?
Intervenga il Governo nazionale!