Gio 29 Lug 2021
Advertising
Home Attualità Spiaggia vietata ai cani a Parghelia,...

Spiaggia vietata ai cani a Parghelia, Enpa Vibo: “Atto illegittimo”

L’Ente Nazionale Protezione Animali insorge contro l’ordinanza del sindaco di Parghelia che vieta di portare i cani in spiaggia.

“Con l’inizio dell’estate – scrive l’Enpa Vibo Valentia in una nota – sono continue le segnalazioni di abbandoni e maltrattamenti. Chi decide di trascorrere le ferie in Calabria non concepisce, per fortuna, il modo in cui vengono considerati e trattati gli animali a queste latitudini, specialmente i turisti del Nord Italia. Anche i sindaci, ogni anno, ci mettono del loro e partoriscono ordinanze a dir poco stupefacenti. È questo il caso dell’Ordinanza Balneare 2021 del sindaco di Parghelia, Antonio Landro, che ci è stata inviata con notevole stupore e rammarico. Primo cittadino al quale abbiamo inviato una missiva per chiederne in via preventiva la modifica, prima di passare alle vie legali”.

“Nell’art.2 della suddetta ordinanza, – spiega l’Enpa Vibo Valentia – vengono esplicitate le prescrizioni sull’uso delle spiagge, e nello specifico nel punto 1 vengono trattati i divieti per tutto l’anno. Addentrandoci ancor di più, il punto 1.6 così recita, rispetto al divieto annuale di “condurre o far permanere, sia sulle spiagge che su ogni altra area demaniale marittima ove è consentita la balneazione, qualsiasi tipo di animale se non espressamente autorizzato”, dove per autorizzato si intendono i cani guida e di salvataggio.

Partendo dal presupposto che riteniamo sia una discriminazione bella e buona in quanto, se i villaggi turistici ammettono i cani, vengono costretti i turisti che decidono di passare le vacanze con il proprio animale a non poter andare in spiaggia con loro, o comunque a limitarsi alla spiaggia in concessione al villaggio turistico, sempre che questo ne abbia una. Se un villeggiante volesse, come è giusto che sia e come facciamo tutti in vacanza, conoscere, esplorare e vivere diverse zone e diverse spiagge del luogo, non gli sarebbe concesso”.

“Io turista, – si chiede l’associazione animalista vibonese – sarei sicuro di voler tornare un giorno? Che pubblicità farò al mio rientro a casa? Perché non ci rendiamo conto che con queste ordinanze viene lesa l’immagine del luogo? E Parghelia è sicuramente una delle mete turistiche balneari più belle della provincia se non della Calabria. Ma oltre a una questione sentimentale vi è poi una questione ancora più importante e riguarda la legittimità di tale ordinanza. Infatti, vietare tutte le spiagge, indiscriminatamente, e per giunta tutto l’anno, ci dispiace sindaco, ma non è legittimo. Diversi comuni italiani nel corso degli anni ci hanno provato e il Tar ne ha annullato la validità, oltre a condannare il Comune a pagare le spese legali. Non lo diciamo certo noi.

Per fare qualche esempio: Tar Lazio, sentenza 176 dell’11/03/2019; Tar Calabria, sentenza 318 del 24/02/2017; Tar Reggio Calabria, sentenza 225 del 28/05/2014; Tar Catanzaro, sentenza 947 del 2020. Invece di vietare indiscriminatamente l’accesso alle spiagge, si potrebbero valutare diverse opzioni alternative, come ad esempio individuare alcune spiagge fruibili alle persone con animali, mettere dei sacchetti per le deiezioni con annesso contenitore, un’adeguata cartellonistica sulle regole di comportamento e la previsione di multe per chi non raccoglie le deiezioni dei propri animali o non li custodisce correttamente.

Non è, e non può essere, il divieto assoluto e indiscriminato nel condurre gli animali in spiaggia a garantire l’igiene e il decoro, considerando che sono le persone stesse a sporcare le nostre spiagge (non per ultima la notizia recente degli sversamenti a Santa Maria di Ricadi), e non gli animali, ma ciò che può garantire i suddetti decoro e igiene sono l’utilizzo di alcune regole per la civile convivenza. Non può essere garantito il diritto di alcuni a discapito di altri. Per tale motivo, l’associazione ha chiesto al Sindaco di Parghelia, in via preventiva, di modificare il punto dell’Ordinanza di cui all’oggetto, prima di procedere per vie legali”.