Mar 25 Gen 2022
spot_img
HomeCostume & SocietàMulte ai no vax over 50,...

Multe ai no vax over 50, Burioni: “Assurdo, spero di aver capito male”

Sull’obbligo vaccinale il Governo insiste e non intende far passi indietro. Tutti (o quasi) d’accordo. Il presidente del Consiglio Mario Draghi, infatti, più volte ha sottolineato che la scelta di imporlo ha uno scopo preciso: ridurre le ospedalizzazioni proprio nelle classi d’età in cui i ricoveri sono più ricorrenti. Non solo: i 2/3 dei pazienti delle rianimazioni e il 50% di quelli ordinari, ha ricordato il ministro della Salute Roberto Speranza, sono no vax e dunque l’obiettivo è ridurre al minimo questa platea e in particolare quella tra 50 e 59 anni, dove sono un milione. Anche il ministro degli Affari Regionali Mariastella Gelmini concorda: “I numeri imponevano un deciso passo avanti”.

Il virologo del San Raffaele di Milano Roberto Burioni invece è in netto disaccordo con il provvedimento del governo che prevede una multa di 100 euro una tantum per gli over 50 che non sono vaccinati e non usa giri di parole: “Dare a chi evade l’obbligo vaccinale una multa (100€) una tantum – scrive su twitter Roberto Burioni, professore di Microbiologia e Virologia all’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano – più o meno equivalente a due divieti di sosta (41€x2) rende l’obbligo stesso una grottesca buffonata. Dispiace vederla arrivare da un governo che si credeva serio. Spero di avere capito male“. Ma l’esperto Burioni non è l’unico tra gli esperti ad avere parole critiche per le ultime decisioni prese dal Governo Draghi. Tramite la propria pagina Facebook anche Pierluigi Lopalco, immunologo ed ex assessore alla Sanità della Regione Puglia, ha sottolineato che “sull’obbligo di vaccinazione per gli ultra50enni inutile commentare. Potrà avere una valenza individuale per proteggere quei pochi italiani che hanno superato i 50 e non hanno fatto alcuna dose di vaccino E non hanno già preso il covid. E non si rivolgeranno ad un avvocato. Dimenticavo: visti i tempi di applicazione del decreto, gli effetti si vedranno alla prossima ondata. Gli effetti che invece saranno subito drammaticamente evidenti saranno quelli causati dalla imminente pandemia di tamponite acuta che sta per travolgere il mondo della scuola”.