Lun 6 Feb 2023
spot_img
HomeCostume & SocietàLa "scirubbetta" calabrese, il gelato più...

La “scirubbetta” calabrese, il gelato più antico del mondo

E’ legata al freddo ma non proviene dal nord, bensì dal sud, dalla nostra Calabria.

L’ingrediente principale è la neve…quella più pura, ma non quella appena caduta, bensì quella detta in gergo ciciarusa, cioè neve che si è trasformata in granelli di ghiaccio per effetto dell’alternarsi del caldo diurno con le gelate notturne, raccolta in spazi incontaminati della nostra amata Sila.

La scirubbetta calabrese, ovvero la neve mescolata con miele di fichi o mosto cotto, è una bella consuetudine ancora molto viva in Calabria all’arrivo dei candidi fiocchi invernali. Una preparazione tanto semplice quanto antica, la cui origine si perde nella notte dei tempi ed è da considerare come il primo gelato della storia.

Il nome scirubetta proviene dal turco “sharbat” che significa “bevanda”, termine a sua volta derivato dall’arabo “sharbat”, da cui originano anche le parole italiane “sciroppo” e “sorbetto”. Lo sharbat in Medio Oriente è una bevanda dolce servita molto fredda, di varia consistenza da assaporare al cucchiaino.

Una tradizione profonda che si apre sulla primordiale forma di gelato e di cui traccia si può ricercare in qualsiasi popolazione abbia avuto accesso a zone montane innevate. Una sorta di gelato dei poveri.

La preparazione tradizionale della scirubetta prevedeva la raccolta della neve in un pentolone da cui veniva poi redistribuita direttamente in bicchieri o coppe oppure in un vassoio centrotavola nel quale avveniva il magico e generoso incontro con il dolcissimo miele di fichi, altrove popolarmente denominato vincotto di fichi o semplicemente cotto di fichi, preparato dalle massaie nell’ultimo scorcio dell’estate.

In alcune zone della Calabria si usava anche il mosto cotto. A tempi più recenti, ma pur sempre figlie della antica tradizione orientale, risalgono invece le varianti di scirubetta di neve con succo d’arancia (frutto invernale per definizione) o di limone e zucchero, oppure ancora con caffè e zucchero, o infine con cioccolato.