Il Comune di Cerisano fuori dal dissesto. La soddisfazione del sindaco Di Gioia

cerisano-fuori-dissesto-sindaco-di gioia
Pubblicità

“Finalmente il nostro Comune è fuori dal dissesto economico-finanziario”. Il sindaco Lucio Di Gioia non trattiene la soddisfazione nell’annunciare una svolta, tanto attesa e non di poco conto, per Cerisano. Finisce la lunga fase di dissesto dunque, iniziata negli ultimi mesi del 2013 con il sindaco del tempo, Salvatore Mancina.

Per la cronaca, nel dissesto economico e finanziario del Comune di Cerisano, piccolo centro alle porte di Cosenza vi erano quasi quattro milioni di euro di debiti. Era stato proprio il sindaco Lucio Di Gioia a presentare il drammatico quadro finanziario dell’ente: “I numeri non mentono ed evidenziano la pesante eredità lasciata da chi ci ha preceduto al governo dell’ente”.

Il sindaco Di Gioia
Il sindaco Di Gioia

Il commissario straordinario, aveva cristallizzato la massa debitoria del Comune e le date richiamate nella documentazione depositata negli Uffici. 

“I debiti sono relativi a gravi responsabilità amministrative e contabili precedenti che hanno annientato un paese ed una comunità. Su ogni cittadino infatti,ha pesato un debito di circa 1.500 euro”, si era affrettato a ribadire il primo cittadino nel corso di una conferenza stampa, appena insediato.

Con lui l’assessore al Bilancio Roberto Muoio che era entrato ancor di più nel merito: “La massa passiva accertata dall’organo liquidatore del dissesto è di euro 3.117.454,27”, aveva affermato. Sottolineando che, a queste cifre, vi erano da aggiungere altri 500 mila euro di altri debiti appena “scoperti”, ovvero i crediti vantati da terzi esclusi dalla massa debitoria (euro 541.966,07, per essere precisi). 

Di Gioia e Muoio, insieme all’intera squadra di governo, avevano anche parlato, ad esempio, dell’errato importo dell’accertamento Imu/Tasi, di errori e mancati pagamenti per la corrente pubblica ed altri casi per cui si era giunti al default finanziario.

Oggi tutto sembrerebbe essere tornato nella norma, tanto che il commissario incaricato ha terminato il lavoro da svolgere e l’iter amministrativo.

Un bel sospiro di sollievo per uno dei più bei borghi della Calabria.

Da qui ripartire.

 

Pubblicità